Home  >  Tindari e La Villa Romana

L'antica Tyndaris (396 a.C.) così chiamata in onore di Tindaro, re messeno e padre dei Dioscuri, fu fondata da esuli messeni, mercenari di Dionigi I il vecchio, tiranno di Siracusa, che combatterono nelle sue guerre espansionistiche e furono da lui stesso ricompensati con un territorio su cui fondare una nuova città, che rappresentò uno strategico e cruciale avamposto sia per gli scopi militari di Dionigi sia come luogo dal quale poter gestire tutto il traffico marittimo di quel triangolo di mare compreso fra Capo Calavà, le Isole Eolie e Capo Milazzo.







Attualmente è possibile visitarne gli scavi archeologici, fra il cui teatro greco che rappresenta un autentico gioiello non solo per l'arte ellenistica, ma anche per l'ottima acustica, tanto da essere prescelto come sede di rappresentazioni teatrali e musicali.



 
Zoom   Zoom

 
Zoom   Zoom



Villa Romana


La Villa Romana di Patti Marina, venuta alla luce solo da qualche decennio e databile al IV secolo d.C. "periodo di massimo splendore", è ormai nota in tutto il mondo per la sua estensione e bellezza e per tutte le grandi problematiche aperte nel campo dell'archeologia e della storia.
Eretta in età imperiale, sorge sui resti di preesistenti costruzioni, delle quali oggi sono visibili tratti di muri e i pavimenti, a mosaici policromi con motivi geometrici probabilmente opera di botteghe siciliane.









Attualmente ci sono lavori in corso che porteranno alla luce nuove parti della villa.


 
Zoom   Zoom

 
Zoom   Zoom


[Torna su]